Home > Soluzioni > ICT Legal > Blog
L'obbligo di concedere in riuso: il panorama normativo Stampa
Scritto da Gianluca Craia   

Le applicazioni software sono strumenti particolamente idonei a tradurre nella realtà le varie fasi del procedimento amministrativo. Il loro utilizzo oltre a perseguire i fini dell'agire amministrativo di cui all'art 1 della legge 241 del 1990 (Cfr art 1.1. l. 241/90. L'attività amministrativa persegue i fini determinati dalla legge ed è retta da criteri di economicità, di efficacia e di pubblicità secondo le modalità previste dalla presente legge e dalle altre disposizioni che disciplinano singoli procedimenti, favorisce il dialogo con i cittadini rendendo più semplice interfacciarsi con le varie amministrazioni. Così gli enti pubblici al fine di rendere servizi migliori agli utenti, hanno provveduto negli anni, e in funzione della rivoluzione digitale, a dotarsi di sistemi informatici sempre più complessi ed efficienti.)

Leggi tutto...
 
Apple PC: cloni MAC all'italiana. Il parere dell'ICT LEGAL Stampa
Scritto da Gianluca Craia   

Su AppleLounge, blog dedicato al mondo Apple, è stata recentemente pubblicata una inchiesta su ApplePC, un'azienda italiana che propone di vendere PC compatibili con MAC OS X ad un prezzo veramente competitivo. E' stato contattato il Responsabile di Apple PC per chiarire la situazione, il quale ha specificato che il pc in vendita è costruito con componenti totalmente equiparabili con quelli che Apple monta sui propri MAC.

A differenza di Psystar, il clone-maker della Florida attualmente in causa con Apple, nel caso di Apple PC non è prevista la possibilità di comprare un computer compatibile “MAC Pro PC” con Mac OS X preinstallato e l’installazione del sistema operativo è delegata in toto al cliente. L’acquirente sarà quindi l’unico responsabile della violazione del contratto di licenza di OS X, che vieta tassativamente di procedere all’uso di tale sistema operativo su hardware non Apple.

Leggi tutto...
 
Esclusione della garanzia nelle licenze open source Stampa
Scritto da Gianluca Craia   

Chi almeno una volta ha utilizzato un prodotto software open source e ha avuto l’accortezza di leggerne la licenza, si è sicuramente imbattuto in clausole come questa:

"Non c'è nessuna garanzia per il programma, per quanto consentito dalle vigenti normative. Eccetto quando altrimenti stabilito per iscritto, i detentori del copyright e/o le altre parti forniscono il programma "così com'è" senza garanzia di alcun tipo, nè espressa nè implicita, incluse, ma non limitate a, le garanzie di commerciablilità o di utilizzabilità per un particolare scopo. L'intero rischio concernente la qualità e le prestazioni del programma è del licenziatario. Se il programma dovesse risultare difettoso, il licenziatario si assume i costi di manutenzione, riparazione o correzione (GPL v3 art 15)"

La funzione della clausola è quella di eliminare i rischi legati al mal funzionamento del programma e la sua presenza si giustifica sulla base del fatto che la licenza è concessa a titolo gratuito.

Leggi tutto...
 
Modelli di sviluppo Open e titolarità del software Stampa
Scritto da Gianluca Craia   

Gli interventi modificativi del codice sorgente di un programma software sono riconducibili a tre grandi categorie: la ricombinazione del codice, l’aggiunta di moduli di tipo plug-in ed il linking. Se per l’ultima categoria l’applicazione è generalmente limitata alle librerie di funzioni, le altre due opzioni possono verificarsi in ogni tipo di intervento modificativo che riguardi il codice sorgente.

Leggi tutto...
 
Il Copyleft Stampa
Scritto da Gianluca Craia   

Il copyleft è un particolare strumento giuridico il cui nome è un gioco di parole sul termine copyright; dove il termine "right "richiama il concetto di diritto e di destra, il termine "left" richiama il concetto di permesso e sinistra: il suo effetto è infatti un vero e proprio ribaltamento del diritto d’autore.

In pratica, la sua applicazione garantisce la persistenza dell’assetto dei diritti dato dall’autore verso licenziatari e/o sub-licenziatari di ennesima generazione. Ciò significa che ogni licenziatario che re-distribuirà il programma a terze parti, dovrà farlo senza arrogarsi il diritto di operare nessun tipo di restrizione: tutti coloro che riceveranno la licenza avranno gli stessi diritti concessi dall'autore originario, indipendentemente dai passaggi intermedi.

Leggi tutto...
 
«InizioPrec.1234Succ.Fine»

JPAGE_CURRENT_OF_TOTAL