Home > Riuso
Riuso Stampa

Le pubbliche amministrazioni che siano titolari di programmi applicativi realizzati su specifiche indicazioni del committente pubblico, hanno l'obbligo di darli, in formato sorgente, completi della documentazione disponibile, in uso gratuito ad altre Pubbliche Amministrazioni che li richiedono e che intendono adattarli alle proprie esigenze, salvo motivate ragioni (Codice dell'Amministrazione Digitale, Decreto Legislativo 7 marzo 2005).

Il CNIPA (Centro nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione), organo governativo di riferimento per le PA, ha istituito il Centro di Competenza per il riuso del software nella Pubblica Amministrazione Centrale; quest'ultimo ha attivato il portale del riuso per le amministrazioni interessate ad intraprendere esperienze di riuso. Oltre ad informazioni, approfondimenti e risorse utili, sul Portale sono presenti le Linee Guida per il riuso delle applicazioni informatiche nelle Amministrazioni Pubbliche, il catalogo delle Applicazioni Riusabili, la check list per la valutazione di adeguatezza, l'Abaco per la valutazione della convenienza economica, l'Indice tipo dello studio di fattibilitàe lo schema tipo di un contratto di riuso.

L'utilizzo di applicazioni Open consente di soddisfare tutte i requisiti elencati; per questo motivo Francia, USA (compresi agenzie governative come CIA, FBI, NASA, NSA), Gran Bretagna, Argentina, Belgio, Danimarca, Brasile, Germania, Perù, Spagna, India, Corea, Messico e Cina dotano le proprie amministrazioni pubbliche di software a codice aperto.